Borsa  della Musica

/

  • Nero Facebook Icon

Alberto Bonera nasce a Brescia (ITALIA) dalla madre Vittoria Ferrari, maestra di scuola elementare e dal padre Pietro, professore universitario ed insigne matematico.

Avviato agli studi umanistici, coltiva fin da adolescente lo studio del pianoforte, manifestando un vivo interesse e uno spiccato talento per la composizione.

Compiuti gli studi liceali, frequenta la facoltà di Filosofia all' Università di Pavia, laureandosi brillantemente con una originale tesi sull' esistenzialismo positivo e sul tema della temporalità in M.Heidegger.

Si dedica poi per un ventennio circa all' insegnamento di Italiano e Storia nella scuola media, non trovando qui terreno fertile alle proprie aspirazioni intellettuali e artistiche, che cerca di soddisfare, se pur non appieno,proseguendo da privatista il corso di pianoforte e dedicandosi saltuariamente alla stesura di a lcuni brani pianistici di chiara ispirazione romantica.

E' in questo lungo periodo di tempo, contrassegnato da una marcata inquietudine e intensa ricerca di significati spirituali, che si va via via maturando in Bonera quella vocazione artistica che troverà la sua piena espressione negli anni a seguire. Diplomatosi in pianoforte presso il Conservatorio di Brescia, dopo aver lasciato l' insegnamento, si dedica interamente alla Composizione e alla pittura, sua altra grande passione.

Per l' esecuzione in pubblico dei suoi pezzi pianistici , contrassegnati da un notevole impegno virtuosistico, si vale della collaborazione di interpreti di notevole caratura, quali il bergamasco Filippo Quarti ed il bolzanino Enrico Pompili, magistrale esecutore di musica contemporanea, che presenta con successo le composizioni di Bonera prima a Brescia, poi a Lubiana per la radio slovena e infine a Bolzano in occasione del Festival di musica contemporanea.

Nel 2002 viene alla luce la prima raccolta di composizioni pianistiche col titolo Presagi in un CD, edito dalla Phoenix,in cui si può seguire l' evoluzione stilistica dell' autore passando dalle prime pagine di chiara impronta romantica alle ultime ormai svincolate da ogni riferimento tonale.

Già in questa prima serie si va configurando la cifra stilistica di Bonera stigmatizzata in un linguaggio essenziale e logicamente strutturato , ma capace di sortite impreviste , di originali squarci e di luminose e avvincenti linee tematiche.

In questi ultimi anni di ricerca si è valso della guida preziosa del maestro Massimo Priori, docente di composizione presso il Conservatorio di Riva Del Garda ( Trento) per approfondire la conoscenza delle strutture compositive orchestrali e della stumentaszione.

Frutto più rilevante di questi studi sono l'Odisseo  (opera assai complessa per dieci strumenti tra percussioni archi e fiati) che traduce in musica i momenti salienti e le suggestive esperienze del leggendario pellegrinaggio di Ulisse, e il Concerto per pianoforte e orchestra in quattro movimenti , che costituisce, unitamente ai brani pianistici di più recente creazione, il contenuto del presente CD, in cui , ad un attento ascolto , si può cogliere inequivocabilmente delineata la personalità artistica dell' autore, difficilmente classificabile entro correnti o schemi dell' esperienza musicale contemporanea a motivo della vitalità ed eclettismo che la contraddistinguono.